Ponte Vecchio di San Giovanni Bianco

Ecco come si (de)evoluta, ristrutturazione dopo ristrutturazione,

l'arcata centrale del ponte.

Immagini del ponte agli inizi del 1900

 

 

Qui invece siamo nell'anno 2000, dopo un primo intervento di qualche anno prima.

 

2005, ultimo intervento!

Tutti pensavano si fosse rimediato al primo intervento, invece ....

 

<< E quando l'acqua l' basa,
sota, la base na
la par d mort na casa >>
 

 

Questa una poesia di Mario Giupponi scritta dopo il primo intervento di ristrutturazione del Ponte Vecchio.

 

OL PUT VECC DE S. GIOAN

Ol put vecc d S.Gioan
el treersa ol Bremp
da mela e pi agn.

Elegante e pi bel d' fiur
vanto del pais
delisia de fotografi e pitur.

Ma dopo tance secoi,
piene e processi
el ghera bisogn d riparasi.

I se riunide tante autorit,
crape fine, nostrane
e egnide d cit.

Che per la so braura
tcc i a pensat:
<< Chis che bela cura >>.

Ol risultato? A l' le d t,
i g scortat i gambe 
poert!

E i l' mbragat, per d pi
con di grose corne
muntunade s.

La magioransa dela popolasi
la s' sentida umiliada
el gh egnit ol mag.

Per la poca sensibilit
chi g'a it per n'opera
d ise olta qualit.

Anche ol "Santino"
che l' mia tecnico,
ma gn cretino,
l' ardat zo d bas
l' alsat i ma al cel
<< Ma per piaser 'nd tcc a spass>>
---------------------- 
So pasat f, 'n d'ona sira scura
o sentit di us
e go it quase 'n po pura
so stacc le a scult
e o capit che con di spirecc
ol put l'era dre a parl.

Di fantasmi d tance secoi fa
chi ghera metit l'ingegno
e tt ol laur.

<< Me se sentie fort e bel
'n pde prope pi
me se sente pi chel !.. >>

<< S'ere alegher e contet
a sentim a pas sura
tanta braa zet ! >>

<< l me paria d bala si prede nte
come una ballerina
en punta d scarpte >>

<< Pens 'npo, con che tormento,
o est a giustam s
i balaostre col cemento! >>

<< E quando l'acqua l' basa,
sota, la base na
la par d mort na casa >>

<< E svet na caerna con di fr rosncc
che la par na boca
d egia sensa dcc. >>

Ol ingener fantasma pogiat al pil
dela s bela
e antica costrusi
l pudia mia capacitas

come i fdes mia stacc bu
d squadr zo du sss
come s' usaa 'n del'era antica
con tanta braura e tanta fadiga.

E prima de spar, de tta fresa
el g dic al put
con d'na caresa:
<< Caro ol me ecio, te se sempr ol pi bel
anche se i t' metit le
con d'na scarpa e sapel.>>

Ol picaprede, che l' sempre facc sito,
l' sciopt f con rabbia
piotst inviperito:
<< Tte i martelade che me so dac si nodei
chi gh rie anche a lur,
pi forte s i so "campanei".>>

Forse l s sobet truat pentit,
l' sbast zo ol co,
l's fac ol segn dela crus e l' sparit.

A sto punto l'm egnit d pens
<< I avr mia facc apsta,
tcc en pl sbagli,
nes i che per giudic
spere noma chi abbie capit l'antifona
e che i s sente en doer d rimedi!>>

Mario Giupponi